CREA STUDIO Associazione Culturale
presenta

 

VERSO UN TEATRO POETICO”:

 

UN WORKSHOP INTENSIVO DI 5 GIORNI

con

DOMINIQUE DE FAZIO

 

per attori e registi

del cinema e del teatro

 

dal 9 al 13 Luglio 2019

Roma, Italia

 

 

Nel Teatro Poetico, si utilizzano diversi strumenti – ad esempio azioni fisiche, il testo parlato – per “rendere presente” ciò che non può essere visto e detto, portando lo spettatore in un mondo dove può sperimentare direttamente la realtà.

 

 

E’ una forma artistica, un’arte, che si può imparare.

 

 

PRINCIPI FONDAMENTALI essere introdotto ed esplorare attraverso esercizi pratici di formazione, improvvisazioni guidate e lavoro di scena durante i sei giorni:

 

1 ° Principio creativo: "Sentire - Diventare -Seguire"

Per ascoltare, occorre corrispondere con la natura delle cose - non cercare di superare la natura stessa delle altre persone o cose/oggetti al fine di raggiungere uno scopo o un obiettivo - questo è un segreto per trovare la continuità della propria anima con le proprie azioni con il mondo intorno a se.

 

 

2 ° Principio creativo: Creare qualcosa che sia esattamente com'è.

          Lo scopo di un attore dovrebbe essere rivelare, non inventare.

 

 

3 ° Principio creativo: Ciò che un attore comunica è "come" approcciare un problema creativo; questa è la cosa prevalente che viene comunicata da un attore sul palcoscenico, o sullo schermo, a prescindere dal ruolo che interpreta.

 

 

4 ° Principio creativo: Fiducia che tu sei "te stesso" quando sei in altre persone ed altre cose/oggetti al di fuori di te stesso.

 

 

5 ° Principio creativo: Ogni atto creativo, consapevolmente inteso o no, porta in sé una proposta di come la vita è e cosa significa. Un artista è colui che accetta la responsabilità per i suoi atti creativi, sapendo che ogni atto creativo è una proposta di come la vita è, o potrebbe essere.

 

 

6 ° Principio creativo: GESTI non sono qualcosa che si fa, o si compie; essi sono "permessi" di sbocciare come espressione dinamica della propria natura.

 

 

7 ° Principio creativo: Saper "RICEVERE" è la chiave. Il presupposto per la ricevere, non è il desiderio di ricevere, e proviene da un certo grado di ….vuoto.

 

 

8 ° Principio creativo: Un movimento del corpo o il suono della voce dell'attore, rivelano sempre da dove esso proviene, la sua ORIGINE; la sua "logica

espressiva."

 

 

Per l’intera durata del workshop tutti i partecipanti avranno la possibilità di provare questo lavoro ed esplorarlo praticamente.

 

 

***

Raccomandazioni.

Vestirsi in modo confortevole per permettere a tutto il corpo di muoversi liberamente.

In classe non si possono portare macchine fotografiche, cellulari, o qualsiasi genere di apparecchi di registrazione (audio/visiva).

Lo Studio CREA registrerà le lezioni per propria documentazione.

 

 

Date e orari:

 

da martedì 9 a venerdì 12 luglio 2019

ore 17:00 – 20:00

 

Sabato 13 luglio

ore 10:00 – 13:00

 

Presso:

Teatro Studio ARGOT
Via Natale del Grande 27

00153 ROMA

(Quartiere Trastevere)

 

 

QUOTA:

La quota di iscrizione per partecipare al seminario è di 550,00 Euro.

SCONTI:

È offerto uno sconto di 75,00 euro per coloro che si iscrivono e saldano la quota entro e non oltre il 3 giugno 2019; la quota da saldare sarà di 475,00 euro.

 

 

***

L’IDIOMA della RECITAZIONE NEL CINEMA

 

un seminario pratico

di tre giorni

con

 

DOMINIQUE DE FAZIO

 

 

dal 5 al 7 Luglio 2019

Roma, Italia

 

 

Il Cinema ha un idioma diverso da quello del Teatro.

 

 

 

Alcuni dei requisiti che caratterizzano la buona recitazione nel cinema sono:

 

Intimità. Il cinema è straordinariamente intimo. Un attore deve avere la volontà di lasciarci vedere la verità dietro il suo viso. L’arte della recitazione penetra in profondità.

Precisione. In cinema, ogni minimo movimento deve servire uno scopo. Non esiste naturalismo gratuito.

Nascita della realtà. Non vogliamo vedere cosa un personaggio prova; vogliamo vedere la nascita, l’emergenza di ciò che un personaggio prova.

Avvenimenti”. L’unica più grande caratteristica dell’idioma cinematografico è il senso che qualcosa sta accadendo, o sta per accadere, costantemente. In ogni ripresa, in ogni secondo deve esserci un avvenimento. Se una persona apprende il lavoro in questo modo, rompe le barriere nel cinema.

La Musica del Pensiero. In cinema dobbiamo capire il pensiero del personaggio “come un movimento”, qualcosa che accade nel tempo, che accade ora ed è quasi udibile come la musica.

Continuità. Sebbene girato in pezzi, il film alla fine deve essere messo insieme per creare un senso di continuità. Quando lavori in un film come attore, devi sapere come pianificare le tue riprese, devi prevedere e quindi fornire ciò di cui il montatore avrà bisogno.

 

 

In questi tre giorni di seminario, imparerai

alcune particolarità delle recitazione in cinema,

cosa è richesto ad un attore di cinema

e come puoi prepararti a questo.

 

 

Ogni giorno, sarà:

  • Indirizzare un nuovo aspetto dell’idioma del cinema

  • Fare lavoro di esercizi

Improvvisazioni con i volontari

(Dominique sceglierà volontari dal gruppo

uno per il teatro ed uno per il cinema.

N.B.

Durante il seminario non ci saranno riprese - Il seminario sarà pratico e non necessita l'utilizzo di macchine da presa.

 

 

Date e orari:

 

 

venerdì 5 e sabato 6 luglio

ore 17:00 – 20:00

 

domenica 7 luglio

ore 10:00 – 13:00

 

Presso:

 

Teatro Studio ARGOT
Via Natale del Grande 27

00153 ROMA

(Quartiere Trastevere)

QUOTA:

La quota di iscrizione per partecipare al seminario è di 250,00 Euro.

SCONTI:

È offerto uno sconto di 55,00 euro per coloro che si iscrivono e saldano la quota entro e non oltre il 3 giugno 2019; la quota da saldare sarà di 195,00 euro.

 

REGISTRATI 

nuovi-attori

 

FaLang translation system by Faboba